Obama al Congresso: rottura del veto presidenziale è un “precedente legale pericoloso”

Il presidente americano Barack Obama definisce la decisione del congresso di spaccare il suo veto alla legge dell’undici settembre un “precedente legale pericoloso” e che “rischia di esporre gli Stati Uniti a citazioni in giudizio simili”

قال البيت الابيض إن التصويت هو الامر الاكثر إزعاجاً منذ سنين Continua a leggere

Annunci

Il congresso intende citare in giudizio i paesi coinvolti con l’undici settembre. Obama lo ostacola

d

Il presidente americano Barack Obama ha deciso di porre il veto presidenziale per ostacolare una legge del congresso che permetterebbe alle famiglie delle vittime di citare in giudizio gli stati coinvolti con gli attentati del 11 settembre 2001, come l’Arabia Saudita, e di chiedere risarcimenti nel caso venisse provato il loro collegamento coi fatti. Un tale veto rappresenta un chiaro segnale di approvazione per questo regime corrotto dedito alla diffusione della scuola di pensiero Wahabita, pilastro portante delle organizzazioni terroristiche nel mondo.

In una dichiarazione della casa bianca diffusa oggi dall’Agence France-Presse si evince che Obama ostacolerà la legge perché “compromette l’immunità delle nazioni e può stabilire un pericoloso precedente legale”.

Tuttavia anche se Obama ricorrerà al suo veto non è detto che la legge finirà nel dimenticatoio, il congresso potrebbe superare tale divieto presidenziale e promulgare la legge se questa verrà approvata di nuovo dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti con una maggioranza di due terzi; fatto non improbabile dato il controllo maggioritario dei repubblicani di entrambe le camere. Indubbiamente per Obama, la rottura del veto presidenziale sarebbe una brutta sconfitta da subire negli ultimi mesi del suo mandato, specialmente considerando che i dieci veto a cui è ricorso nei suoi due mandati sono stati tutti approvati.

Dall’11 settembre 2001 le investigazioni sono sempre state segretate e Washington non ha riferito risultati importanti a parte qualche dito accusatorio verso il regime saudita. Diversi sono stati i rapporti e i servizi dei media americani che hanno illustrato l’importanza del ruolo ricoperto dal regime nel finanziamento degli attacchi. La presidenza americana invece non si è mai pronunciata riguardo gli esiti delle investigazioni, rispettando una specie di intesa con la stirpe dei Saùd per tutelare i suoi diversi interessi economici col loro regime.

Pubblicato il 23 settembre ‘16

Fonte: SANA

Uccisa una saudita e feriti altri 7 dopo attacco dallo Yemen

Oggi, giovedì, una cittadina saudita è morta e sono stati colpiti altri sette in conseguenza del lancio di ordigni militari dal confine con lo Yemen contro la zona di Jazan nel sud dell’Arabia Saudita. Continua a leggere

ONU: La decisione di cancellare l’Arabia Saudita dalla lista nera non è finale

Fonte: Al Mayadeen

Il portavoce del segretario generale delle nazioni unite ha dichiarato che la decisione di cancellare l’Arabia Saudita dalla lista nera non è finale, e che l’ONU sta aspettando di ricevere informazioni dal Riyadh; mentre il rappresentante permanente della Russia commenta quanto sia importante che le nazioni unite prendano posizioni “più indipendenti” nella redazione delle loro relazioni. Continua a leggere

Lo Yemen chiede per un intervento terrestre arabo veloce mentre l’Iran avverte…

Fonte: Al Ayam

Martedì sera il ministro degli esteri yemenita Riyad Yassin ha chiamato il mondo arabo ad intervenire sul suolo yemenita “il più presto possibile”, mentre l’Iran ha avvertito che un attacco saudita potrebbe porre tutto il Medioriente in pericolo. Continua a leggere