I Taleban rivendicano l’attacco al consolato tedesco di Mazar al Sharif in Afghanistan

a.jpg

Ieri sera i Taleban hanno diffuso la notizia che sono loro i responsabili dell’attacco al consolato tedesco di Mazar el Sharif a nord dell’Afghanistan che ha causato la morte di almeno sei persone, e il movente è la vendetta per le uccisioni di civili in un bombardamento della settimana scorsa della NATO a Konduz.

L’attentato, mediante un camion carico con una quantità enorme di esplosivo, ha causato la morte di sei persone, ha rivelato l’ospedale locale. Le forze di polizia regionali, che avevano parlato di sette morti, hanno elaborato che le forze tedesche avevano sparato a due persone per sbaglio credendo si trattasse di terroristi.

Nessuno degli impiegati tedeschi è stato colpito, mentre le autorità di Berlino hanno dichiarato che ben 128 civili afghani sono stati feriti, tra di essi c’erano anche 10 bambini e alcuni di loro sono in condizioni gravi, come ha confermato il dottor Nùr Mohammed Fayez dall’ospedale regionale. Il dottore ha confermato che due dei morti sono deceduti per colpi da arma da fuoco.

Il generale afghano Hasìb Allah Quraishi, capo della polizia nel nord del paese, ha spiegato che ci è stata una “incomprensione alquanto triste: le forze tedesche avevano allargato il perimetro di sicurezza intorno all’aerea dell’esplosione, cosa che i due civili uccisi non sapevano”. L’assistente della polizia regionale Abdulrazak Qadiri ha dichiarato che i due uomini “stavano passando a bordo di una motocicletta e avevano ignorato i divieti”, e ha poi aggiunto che hanno già colto un sospettato, senza però fornire ulteriori dettagli.

I funzionari tedeschi a Kabul non hanno dichiarato niente quando l’agenzia France Presse gli ha contattati.

Il presidente Ashraf Ghani ha definito l’accaduto come “selvaggio” e come un “crimine contro l’umanità”.

L’attentato, accaduto poco dopo le ore 23, ha provocato un largo cratere e danni ingenti alle mura che circondano il perimetro del consolato eretto all’interno del vecchio Hotel Mazar. L’inviato di France Presse ha riferito che i vetri delle finestre si sono spaccati a distanza di chilometri, mentre i civili si svegliavano impauriti e urlanti. L’onda d’urto ha sollevato un taxi parcheggiato nei pressi del consolato, scaraventandolo all’interno del cratere.

In un tweet del ministero degli esteri tedesco si leggeva di “combattimenti dentro e fuori dal consolato”. Una fonte diplomatica a Berlino ha rivelato che il ministro degli esteri Frank-Walter Steinmeier ha convocato una riunione di emergenza nella notte. Nel frattempo un portavoce dei Taleban, Thabìh Allah Mujahid, si assumeva la responsabilità “dell’operazione di martirio” e confermava che erano riusciti a fare irruzione nell’edificio. Sempre su Twitter i Taleban hanno parlato delle due vittime civili uccise dalle forze tedesche.

I Taleban hanno chiarito che hanno pianificato l’attentato come “vendetta” per i raid statunitensi del 3 novembre a Konduz, che avevano causato la morte di almeno 32 civili e 19 feriti, gran parte donne coi loro bambini. I raid hanno anche distrutto 22 abitazioni, le nazioni unite aggiungono.

Fonte: 11/11/2016 Al Nahar

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...